Bestselected Vol. IV

E’ un onore vedere una foto pubblicata in questo Volume di Bestselected 2020.

 

 

 

Da oggi 4 Maggio il Bestselected book vol. IV sarà disponibile nella versione cartacea.
Angelo Cucchetto firma la prefazione del libro. L’anno scorso abbiamo avuto l’onore di un testo di Giuseppe Cicozzetti che introduceva il volume 3. Quest’anno Angelo, professionista con esperienza di circa 30 anni nel settore della Fotografia professionale, Art Director di importanti Festival di Fotografia in Italia e promotore di stupende iniziative editoriali (il magazine Cities per citarne una) parla del nuovo Bestselected Book e del progetto Bestselected che ormai è diventato un punto di riferimento nel panorama italiano.

“La Fotografia al tempo del virus.”

Parafrasando Márquez (l’amore al tempo del colera) parliamo di poesia, passione, punti di vista sull’esistenza. La Fotografia stimola e spinge milioni di persone ad esprimersi, a specchiarsi, a cogliere visioni personali e interpretazioni del reale, e da 4 anni le selezioni annuali di Bestselected cercano di offrirci spaccati di qualità di tali visioni.

Non è facile oggigiorno cogliere i frutti migliori, la rete fagocita e mostra quotidianamente milioni di buone immagini, e solo tornando a catturare sulla carta tali immagini possiamo restituire loro una valenza senza tempo, in modo da darci la possibilità di apprezzare appieno tale potenza di fuoco.

Ecco quello che Vanni Pandolfi fa, con tenacia e buon gusto, da oltre 4 anni: raccogliere immagini potenti, scattate da autori con una buona consapevolezza del proprio talento e che cercano di offrirci le loro personali interpretazioni del mondo reale, e di se stessi infine.

La quarta edizione di BestSelected su apre quindi, non a caso, con un’immagine di Paolo Mangoni emblematica di questo “annus horribilis” che è piombato addosso all’umanità, e prosegue con scatti onirici egualmente connessi in modi sottili con tale evento, che ci offrono attraverso simbolismi e mediazioni i personali punti di vista degli autori.

Vi sono anche altri elementi, che rappresentano una sfida per Bestselected, e rendono complesso il lavoro di selezione, su tutti: negli ultimi 10 anni abbiamo spinto molto sulla valenza della Fotografia come forma di comunicazione, supportati dall’evidente uso che ne fanno anche i giovani in tal senso (si “parlano” con le immagini spesso più che con le parole), e sulla necessità di “progettualità” nella realizzazione di storie che raccontino con la fotografia.

Quindi molto autori, anche bravi, si sono orientati allo story telling, alla costruzione di storie pensate e realizzate con sapienza, cosi come si fa da secoli usando la scrittura.
Tale orientamento causa però spesso una certa mancanza di capacità a molti fotografi nell’esprimere concetti e icone in modo evocativo, potente ed esteticamente rilevante in una sola immagine, usando in tal senso più la creatività personale ed il proprio talento artistico che la capacità di raccontare storie.

Ecco quindi la necessità della presenza di una pubblicazione come Bestselected, che permette di dare valore appunto alla potenza di singole immagini, capaci di stimolare la nostra fantasia e “colpirci” al primo sguardo.

Cosa non facile appunto, e ragione prima per apprezzare questo immenso lavoro di selezione, che ci restituisce punte di genialità assoluta, appannaggio di alcuni autori di grande talento protagonisti di questo libro, che sono onorato di presentare.
(Angelo Cucchetto)

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.